Lazio, Pedro: “Derby speciale, per me era importante segnare. Pronto a dare tutto per questa squadra”

LAZIO ROMA INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del biancoceleste in occasione di Lazio-Roma, match valido per la 6a giornata di Serie A.

Pedro a DAZN

Sei entrato nel cuore dei tifosi
“Si sono molto contento per questa vittoria, è importante per noi e i tifosi. Oggi era un derby speciale per me, abbiamo fatto una partita importante. Contento per me e per l’allenatore. Siamo stati aggressivi nel primo tempo, una partita molto importante.”

Cosa significa per te che 4 mesi fa avevi segnato con l’altra maglia e avevi detto che avresti esultato?
“Sono molto felice di giocare per la Lazio. Tutti i tifosi mi hanno ricevuto al meglio così come i calciatori. Sono contento di lavorare per Sarri che ama giocare veloce e creare occasioni. Questo è bellissimo per me. Non era facile, il derby è difficile ma era tanto contento.”

Sai chi sono i due giocatori che hanno segnato con le due maglie come te?
“Sono due giusto? Voglio lasciare tutto in campo per questa squadra. Era più importante la vittoria ma anche per me segnare era importante. Questo è stato bellissimo.”

Complimenti per la grande partita. Oggi hai conosciuto il derby di Roma con i tifosi, che calore hai trovato?
“Sicuramente uno dei più forti del mondo. La gente ti ferma per strada per fare bene in questa partita che è importante per la città e il popolo. Si danno tanti valori in questa partita, ho giocato tanti derby ma questo è uno dei più forti del mondo”.

L'articolo Lazio, Pedro: “Derby speciale, per me era importante segnare. Pronto a dare tutto per questa squadra” sembra essere il primo su Roma news.

Lazio, Sarri: “Non pensavo che il derby desse questa adrenalina. I corner di Veretout ci hanno messo in difficoltà”

LAZIO ROMA INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del tecnico biancoceleste Maurizio Sarri in occasione di Lazio-Roma, match valido per la 6a giornata di Serie A.

Sarri a DAZN

Parto dalla fine, ha scelto di esultare con Olimpia, come le è venuto in mente?
“Successo per caso con Juan. Olimpia dorme nella stanza vicino a me lo sento.”

Anderson può essere un crack?
“Lui ha queste caratteristiche. Ho il dubbio che non se ne renda conto. Le qualità di Felipe sono queste, se trova convinzione e determinazione lui è questo. Ha una coordinazione e leggerezza che è difficile pensare a una partita non all’altezza da lui.”

Le fasi di possesso, secondo i dati mostrano Milinkovic più alto
“Questo è perchè ho parlato con i ragazzi in questi giorni, sembravano troppo bloccati per giocare. Ci si può scordare di giocare. Mi dispiace abbiamo preso due gol da palla ferma e mi dispiace, difensivamente bene”

Lei è un perfezionista sulle palle inattive, è arrabbiato?
“Abbiamo provato ieri in allenamento queste azioni da angolo che loro fanno bene sul primo palo. Veretout ha battuto benissimo e siamo andati un po’ in difficoltà anche se saltavamo con Savic e Immobile. Con quella situazione è comunque stra dura.”

Oggi la squadra sembrava più coraggiosa e libera. Quanto margine di crescita c’è?
“Non esageriamo con la libertà. (ride ndr). Dipende qual è il punto di riferimento. Ogni squadra deve prendere a riferimento il suo modo di giocare. Non è la playstation ma calcio vero. In 7-8 occasioni siamo usciti come piace a me. Questi calciatori hanno qualità non siamo cloni.”

Quanto è cambiato Sarri rispetto a Napoli? Sembra che le esperienze le abbiano messo delle rose molto diverse
“Qui lo sto vivendo benissimo. Qui si può lavorare, abbiamo preso 2-3 giocatori con esterni. In precedenza avevo una rosa costruita. Cambiare 3-4 giocatori alla Juventus era impossibile e ci eravamo adattati. Io non rinuncio alle mie idee ma avevamo compromesso.”

In una classifica, che posizione mette questa partita?
“A livello di emotività ai primissimi posti. Non pensavo che il derby metteva un’adrenalina così prima di giocare e una gioia forte nel vincerla.”

Riscontri un calcio italiano cambiato?
“Purtroppo non c’è il confronto. Tra Italia e Inghilterra ci sono diversi livelli. A livello di qualità tecnica e di ritmi siamo diversi, ma vedo un campionato con idee. Molte squadre provano a giocare a calcio. Come spesso succede in Italia nel girone di ritorno si rischierà di tornare indietro, ma per ora siamo pieni di idee.

Sarri in conferenza stampa

Può essere la grande svolta?
“Intanto prendiamoci la soddisfazione di aver vinto il derby. É stata una partita spettacolare, abbiamo fatto un’ottima prestazione anche dal punto di vista tecnico. Sotto l’aspetto tecnico abbiamo sempre fatto bene. Le prossime partite saranno degli esami di maturità: applicarsi ed essere determinati nel derby è facile”.

Come è riuscito a cambiare la squadra in pochi giorni?
“Il dato dei passaggi è migliorato sensibilmente. Era quello che ci è mancato nelle altre uscite. Oggi siamo stati bravi anche a uscire palla al piede”.

Si aspettava così il derby di Roma?
“È molto faticoso, alla fine della partita sei stanco. C’era grande tensione prima, ora sono molto soddisfatto”.

L'articolo Lazio, Sarri: “Non pensavo che il derby desse questa adrenalina. I corner di Veretout ci hanno messo in difficoltà” sembra essere il primo su Roma news.

Lazio, Milinkovic-Savic: “Una vittoria che dà motivazioni per il futuro. Che bello segnare nel derby”

LAZIO ROMA INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del biancoceleste in occasione di Lazio-Roma, match valido per la 6a giornata di Serie A.

Milinkovic-Savic a DAZN

Quanto hanno gioito i tifosi?
“Abbiamo fatto una grande partita. Possono andare contenti a casa”

Sarri parlava di una scintilla, questa è la svolta?
“Abbiamo giocato meglio di prima. Ci serviva una vittoria nel derby per giocare con una motivazione in più per le prossime.”

Duecento partite in Serie A e 39 gol. Questo è uno dei più importanti?
“Si mi piace segnare nel derby, è il terzo gol e mi piace farlo.”

Deve migliorare nel cinismo la Lazio?
“Si spesso segniamo e poi perdiamo la cattiveria. Entra la fatica ma dobbiamo migliorare.

Da 0 a 100 quanto è l’autostima?
“100”

L'articolo Lazio, Milinkovic-Savic: “Una vittoria che dà motivazioni per il futuro. Che bello segnare nel derby” sembra essere il primo su Roma news.

Lazio, Felipe Anderson: “Derby indimenticabile”

LAZIO ROMA INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del biancoceleste in occasione di Lazio-Roma, match valido per la 6a giornata di Serie A.

Felipe Anderson a Lazio Style Radio

Sarri ti ha fatto grandi complimenti. Che ne pensi?
“Lo stimavo come allenatore prima, quando ho visto che era venuto qui e io ho avuto la possibilità di tornare non ci ho pensato molto, volevo far parte del progetto. È una motivazione grande, mi piace come gestisce il gruppo e sentire che lui pensa questo di me è molto importante, mi fa sentire con fiducia. Ora dobbiamo lavorare e riprendere la forma per restare sempre dentro la partita per novanta minuti”.

È il tuo derby più bello?
“È bello stare in campo novanta minuti, ogni calciatore quando riesce a fare tutto questo diventa speciale. È stato un derby che ricorderò più di altri con il gol e l’assist”.

Felipe Anderson a DAZN all’intervallo

Un primo tempo pazzesco per la Lazio. Il gol di Ibanez ha riaperto i giochi?
“Ci siamo abbassati troppo. Abbiamo sbagliato questo, quando siamo alti gli facciamo male. Dobbiamo mantenere i ritmi dei primi 30 minuti”

L'articolo Lazio, Felipe Anderson: “Derby indimenticabile” sembra essere il primo su Roma news.

Karsdorp: “Il derby con i tifosi è un’altra cosa. Sono concentratissimo”

LAZIO ROMA INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del giallorosso in occasione di Lazio-Roma, match valido per la 6a giornata di Serie A.

Karsdorp a DAZN

“Anche in Olanda ho giocato partite come queste. Conosco le sensazioni, i derby che ho giocato erano entrambi senza tifosi. Sono molto contento di rivedere i tifosi, questo è un Derby. Ora sono davvero concentrato per questa partita”

L'articolo Karsdorp: “Il derby con i tifosi è un’altra cosa. Sono concentratissimo” sembra essere il primo su Roma news.

Mourinho: “L’arbitro è stato decisivo. Il rigore? Il Var forse era a Coverciano… Meritavamo un risultato diverso”

LAZIO ROMA INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del tecnico giallorosso José Mourinho in occasione di Lazio-Roma, match valido per la 6a giornata di Serie A.

Mourinho a DAZN nel post partita

Lei ha parlato alla squadra in mezzo al campo, che cosa ha detto?
“Fra di noi e rimane così. Ho voluto fare subito il discorso lì ma è come se fosse nello spogliatoio”.

La Roma ha provato a vincerla, quanto ha pesato l’episodio del 2-0?
“Un feedback di una persona che è stata in Italia 10 anni fa è che il calcio italiano è migliorato tanto. Una partita fantastica ma l’arbitro e il VAR non sono stati di questo livello. Da 2-0 poteva essere 1-1. L’arbitro ha sbagliato in campo e il Var forse a Coverciano. Il secondo giallo a Leiva anche era importante. Due tre situazioni simili a quelle di Pellegrini oggi assolutamente nulla. Penso che i miei calciatori sono stati i più bravi. Se concedi 3 gol hai sbagliato ma il secondo e il terzo sono due contropiedi. Sul secondo la squadra aspettava il rigore. Abbiamo provato e messo la Lazio in difficoltà. Loro hanno gestito gli ultimi minuti bene anche grazie all’arbitro. Così, non ho altro da dire.”

Lei aveva esordito anche a Milano perdendo il primo derby, è preoccupato degli errori difensivi?
“No, non sono preoccupato. Lo sarei se non ci fosse il gioco. Sarei preoccupato se avessimo mollato. Il 3-1 è un gol di una squadra che deve rischiare.”

Sul primo gol l’errore è per un eccesso di emotività?
“Il calcio italiano è veramente cambiato. Dopo una partita così vuoi parlare di calcio e non di arbitri. Complimenti perchè il calcio italiano sta cambiando. Sapevamo perfettamente dell’inserimento di Milinkovic e abbiamo lasciato spazio centrale per la profondità a uno come lui che ha queste qualità. Certo che abbiamo sbagliato ma abbiamo avuto una grande reazione dimenticando il risultato e abbiamo reagito per segnare l’1-1. E ok”

Complimenti mister per la reazione della squadra, mancava un leader come Pellegrini ma Zaniolo si è trascinato la squadra. Lei pensa che crescano di più per lo step di crescita?
“Complimenti per la vostra vittoria. Io non voglio parlare di Pellegrini perchè dovrei parlare di nuovo di quella partita e non voglio. Nico ha fatto una buona partita e abbiamo avuto grandi situazioni dove fisicamente ha distrutto gli avversari con 2-3 giocatori in movimento. Però partita fantastica, un peccato che abbia avuto un affaticamento fisico e non ha potuto finire la partita. Parlare di individualità per me è difficile, alleno una squadra”.

Al di là della rabbia per gli episodi, rimane la serenità di una squadra con grande coraggio con una Lazio comunque in forma. Ha avuto la forza di venirne fuori con qualità. Non siete riusciti a passare da Abraham ma la prestazione c’è stata no?
“Serenità sempre anche in momenti di difficoltà al di là del risultato che è sempre stato giù. Al di là di questa situazione siamo stati in difficoltà per 10 minuti. All’intervallo ho detto che in transizione ci potevano fare male ed era un rischio che dovevamo prendere. Lo abbiamo fatto, orgoglio si e qualità si. Magari qualcuno non è d’accordo con me ma meritavamo un risultato positivo. L’arbitro ha influenzato il match”.

Poteva finire 3-3 o vincere voi
“Complimenti, ero sincero. Non ero sarcastico, quello era il tuo passato (riferendosi a Parolo, ndr)”

Mourinho a DAZN nel pre partita

In una partita così, il comunicatore Mourinho cosa fa?
“No, bisogna essere equilibrati. Se sei solo emotivo è difficile vincere, solo razionale non si può per una partita che è un po’ diversa. Serve equilibrio tra razionalità e emotività”.

Giocherà Mkhitaryan al posto di Pellegrini?
“Sono giocatori diversi. Di Pellegrini ne abbiamo solo uno e oggi non c’è. Mi fido degli altri, la rosa serve anche a questo. Non è giusto che non ci sia ma dobbiamo dimenticare questo.”

Contro il Torino la Lazio ha sofferto il pressing alto, lei è un grande tattico quanto ha preparato questa partita?
“Paragonare noi con il Torino è una perdita di tempo. Siamo completamente diversi, questa partita non è attendibile per noi.”

Ha preparato il match sulla Lazio?
“Lo facciamo sempre, non perdiamo l’identità ma cerchiamo i punti forti e meno del nostro avversario.”

L'articolo Mourinho: “L’arbitro è stato decisivo. Il rigore? Il Var forse era a Coverciano… Meritavamo un risultato diverso” sembra essere il primo su Roma news.

Mkhitaryan: “Giallo a Pellegrini inesistente. Posso sostituirlo io ma sarà il mister a decidere”

UDINESE ROMA MKHITARYAN – Le dichiarazioni di Henrikh Mkhitaryan nel post partita di Roma-Udinese, match valido per la quinta giornata di Serie A.

Mkhitaryan a Dazn

Quanto era importante ripartire dopo la sconfitta col Verona?
“Era importante vincere stasera perché sappiamo che tra 3 giorni giochiamo il derby. Era importante alimentare l’ambizone la mentalità della squadra in vista del derby”.

Com’era lo spogliatoio anche per il rosso a Pellegrini?
“Non posso dire niente, ma per noi è un male aver perso il nostro capitano per il derby. È un leader, che trascina la squadra. Abbiamo perso un giocatore molto importante, speriamo non succeda più. Mi sembra che non ci fosse il secondo giallo”.

Puoi giocare in tutti i ruoli dietro la punta, pensi anche tu che puoi esprimerti meglio?
“Ovviamente posso giocare lì. La decisione è del mister che deciderà se giocherò come 10 o come ala. Vincere è più importante di tutto. Non mi importa dove giocherò. L’importante è dare il mio contributo per la vittoria”.

L’ultimo derby è stato deciso da lei e Pedro che ora è alla Lazio. Vi sentirete?
“Penso che sarà meglio di sentirci dopo la partita. Prima tutti penseranno alla gara e ci concentreremo. Dopo avremo tempo per parlare e commentare”.

L'articolo Mkhitaryan: “Giallo a Pellegrini inesistente. Posso sostituirlo io ma sarà il mister a decidere” sembra essere il primo su Roma news.

Mkhitaryan: “Giallo a Pellegrini inesistente. Posso sostituirlo io ma sarà il mister a decidere”

UDINESE ROMA MKHITARYAN – Le dichiarazioni di Henrikh Mkhitaryan nel post partita di Roma-Udinese, match valido per la quinta giornata di Serie A.

Mkhitaryan a Dazn

Quanto era importante ripartire dopo la sconfitta col Verona?
“Era importante vincere stasera perché sappiamo che tra 3 giorni giochiamo il derby. Era importante alimentare l’ambizone la mentalità della squadra in vista del derby”.

Com’era lo spogliatoio anche per il rosso a Pellegrini?
“Non posso dire niente, ma per noi è un male aver perso il nostro capitano per il derby. È un leader, che trascina la squadra. Abbiamo perso un giocatore molto importante, speriamo non succeda più. Mi sembra che non ci fosse il secondo giallo”.

Puoi giocare in tutti i ruoli dietro la punta, pensi anche tu che puoi esprimerti meglio?
“Ovviamente posso giocare lì. La decisione è del mister che deciderà se giocherò come 10 o come ala. Vincere è più importante di tutto. Non mi importa dove giocherò. L’importante è dare il mio contributo per la vittoria”.

L’ultimo derby è stato deciso da lei e Pedro che ora è alla Lazio. Vi sentirete?
“Penso che sarà meglio di sentirci dopo la partita. Prima tutti penseranno alla gara e ci concentreremo. Dopo avremo tempo per parlare e commentare”.

L'articolo Mkhitaryan: “Giallo a Pellegrini inesistente. Posso sostituirlo io ma sarà il mister a decidere” sembra essere il primo su Roma news.

Mourinho: “Pellegrini salta il derby? Vedremo se ci sono meccanismi legali per farlo giocare. Nessuno può dire che è un giallo giusto”

ROMA UDINESE MOURINHO – José Mourinho, al termine di Roma-Udinese, ha risposto ai microfoni di Dazn. Ecco le sue parole.

Mourinho a Dazn

La reazione emotiva della squadra, dopo il calo è stata brava a portare via i punti.
“La prossima è sempre più difficile da un punto di vista emotivo. I primi 35 minuti sono quelli con più qualità del nostro campionato. Controllo totale della partita contro una squadra organizzata. Noi abbiamo creato e segnato solo un gol ma abbiamo controllato tutto. Secondo tempo una reazione della squadra che perdeva e noi abbiamo perso un po’ di controllo. In un momento duro con un giocatore in meno e 6-7 minuti per giocare nessun problema. La squadra ha giocato bene e portato la palla lontano. Tre punti meritati”.

Come sta Pellegrini?
“Io non conosco i meccanismi legali del calcio italiano ma li voglio conoscere, se ci sono per farlo giocare dobbiamo farli perchè ho tanti dubbi che qualcuno possa dire che questo è un secondo giallo meritato. Non so se gioca perchè non conosco i meccanismi legali”.

Complimenti mister. Lei dice sempre che vede 3-4 squadre più forti della sua, cosa le manca?
“Mi manca tempo però qualcosa in più del tempo ma che non vengo a discutere con te. Sicuramente però il tempo. Ora sono concentrato a far crescere la squadra e i giocatori. A livello organizzativo lavoro molto bene con le persone che abbiamo in controllo. Riesco a dare il mio contributo ma dobbiamo lavorare tanto. Serve tempo e qualcosa in più”.

Lei sottolinea sempre che manca qualcosa e ne parlerà con la dirigenza
“La dirigenza anche ha bisogno di tempo. Una proprietà pazza non si preoccupa del futuro e abbiamo tanti esempi di questo in Europa. Questa proprietà si preoccupa di oggi, domani e dopodomani. Il club deve essere sostenibile, la gente deve controllare le proprie emozioni. Oggi mi sono piaciuti tanti perchè sono stati molto vicini alla squadra. Da Trigoria a qui ho potuto dire ai calciatori che la gente è con noi anche dopo una sconfitta. Cinque partite e 12 punti molto buoni per noi, ora dobbiamo lavorare con le nostre qualità e difficoltà”.

Calafiori sta convincendo? Sono cresciute le sue quotazioni se manca Vina? Che vi siete detti?
“Lui ha giocato meglio che nell’ultima partita perchè ha rischiato di più. A Verona ha fatto solo il basico, qui invece una fantastica azione. Deve avere più fiducia in lui e nel suo corpo. A 19 anni ha avuto tanti problemi gravi ma non si deve spaventare. Non deve chiedere il cambio alla prima sensazione negativa. Lui è un ragazzo con un cuore giallorosso. Oggi sarà molto contento e io lo sarò con lui ma ci vuole tempo”

L'articolo Mourinho: “Pellegrini salta il derby? Vedremo se ci sono meccanismi legali per farlo giocare. Nessuno può dire che è un giallo giusto” sembra essere il primo su Roma news.

Abraham: “Da subito i miei compagni mi hanno fatto sentire in famiglia. Derby? Me ne parlano sempre”

ROMA UDINESE ABRAHAM – Tutte le dichiarazioni di Tammy Abraham nel post partita di Roma-Udinese, match deciso proprio da una sua rete.

Abraham a Dazn

Per la prima volta match winner all’Olimpico. Le tue sensazioni
“Una partita difficile. L’Udinese è una squadra complicata ma abbiamo segnato. Complimenti ai compagni per la grande prestazione”.


Ti senti già un leader dello spogliatoio?
“Dal primo giorno che sono qui mi hanno fatto sentire tutti in famiglia. Mi piace vincere e questa mentalità provo a donarla anche ai miei compagni”.

Conosci le parole dell’inno della Roma? Ti abbiamo visto cantare, cantane un pezzettino
“Canterò quando lo saprò meglio”

Domenica ci sarà il derby, ti hanno spiegato l’importanza?
“Non me ne hanno mai smesso di parlare. Sono pronto come i miei compagni, non vediamo l’ora di iniziare”

L'articolo Abraham: “Da subito i miei compagni mi hanno fatto sentire in famiglia. Derby? Me ne parlano sempre” sembra essere il primo su Roma news.