Calafiori: “Siamo un gruppo unito, si vede anche in queste partite”

ROMA CSKA SOFIA INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del giallorosso in occasione di Roma-CSKA Sofia, match valido per la 1a giornata del girone C di Conference League.

Calafiori a Roma TV

“L’altro anno avevo fatto partite di questo spessore, forse anche maggiore. Ma con il pubblico ero più emozionato. Volevo provare anche questa emozione ed è andata alla grande”

Splendido assist per Pellegrini
Piano piano sono riuscito ad entrare in partita, mi sono sciolto e ho giocato come so fare. Quando ho spazio riesco a giocare bene

Come valuti questo gruppo e come sta crescendo con Mourinho?
Siamo un gruppo molto unito ed è anche merito del mister. Si vede anche in queste partite, giochiamo anche 3 volte a settimana e vincere anche queste partite è importantissimo. Non lasciamo nessun punto agli avversari e dobbiamo continuare così

L'articolo Calafiori: “Siamo un gruppo unito, si vede anche in queste partite” sembra essere il primo su Roma news.

Roma, Villar: “Chi gioca non fa differenza, c’è tanta qualità in rosa”

ROMA CSKA SOFIA INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del giallorosso in occasione di Roma-CSKA Sofia, match valido per la 1a giornata del girone C di Conference League.

Villar ai canali della Roma

Siamo contenti della buona partita, non è facile perchè la competizione è nuova, per noi e per tutti. Non conosciamo bene le squadre. Abbiamo fatto una buona partita, dobbiamo riposare ora e poi continuare così.

Un passo alla volta, ora serve tranquillità…
Si, ora serve un buon recupero. Ora pensiamo al Verona, non abbiamo fatto ancora niente. Ma siamo contenti di come è iniziata la stagione.

Si cambia tanto, se c’è un gruppo a disposizione e chi scende in campo non fa differenza…
Abbiamo una rosa forte, non importa chi gioca. Siamo tutti a disposizione, lo stiamo dimostrando, pronti per giocare quando ci viene chiesto. Non sono solo i titolari, c’è tanta qualità in tutta la rosa. Penso che il mister può stare tranquillo.

L'articolo Roma, Villar: “Chi gioca non fa differenza, c’è tanta qualità in rosa” sembra essere il primo su Roma news.

Mancini: “Vi racconto l’abbraccio con Mourinho. Ha portato mentalità, ci fa sentire importanti”

ROMA CSKA SOFIA INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del giallorosso in occasione di Roma-CSKA Sofia, match valido per la 1a giornata del girone C di Conference League.

Mancini in conferenza stampa

Cosa ha portato Mourinho rispetto a prima? Cosa vi siete detti al momento del gol?
“Sull’abbraccio dopo il gol mi aveva detto di rimanere in difesa, io mi sentivo di poter segnare e sono salito. Sono andato lì a dirglielo. Lui ha portato mentalità, già dal primo allenamento ci ha fatto vedere tante cose. Le vuole tutti i giorni in campo, non c’è una seduta dove andiamo piano. La sua mentalità e la sua voglia di insegnarci quello che sa. Tutti i calciatori li fa sentire importanti”.

Roma si entusiasma facilmente. Quanto Mourinho sta lavorando su questo?
“L’entusiasmo della gente deve essere questo delle prime sei partite. Ma i tifosi lo dimostrano sempre, si fanno sempre sentire, al di là dell’anno con il Covid, ed è una cosa positiva. Noi sappiamo che abbiamo giocato solo sei partite, stiamo creando una squadra con un allenatore nuovo e principi nuovi. Sappiamo che dobbiamo migliorare su tanti punti tattici e mentali e lavorare e pensare partita dopo partita per migliorare in futuro”.

Sul confronto con i compagni dopo il gol subito…
“Io sono uno che parla molto in campo e cerca di capire gli errori miei, quelli dei compagni e della squadra per non ripeterli durante la gara. Ci siamo confrontati e ci sono stati errori di squadra e potevamo fare meglio oltre che prendere gol all’inizio non è il massimo. Dobbiamo migliorare su questo per essere una squadra più solida. Il gol così è evitabile, abbiamo parlato e ci siamo chiariti tra compagni”.

Giocate molto più il pallone in verticale. Lo fate perché Shomurodov ed Abraham sono più veloci e rapidi rispetto ai giocatori che c’erano lo scorso anno o perché siete più cattivi sulle seconde palle?
“Sì, è cambiato il modo rispetto allo scorso anno. Penso che il nostro principio sia intensità in ogni partita. Nel secondo gol abbiamo recuperato palla alta e costruito la rete. Poi tanti lanci lunghi perché vedevamo la possibilità di mettere in porta i nostri attaccanti che sono veloci, ma dobbiamo essere bravi ad accorciare e recuperare il pallone sulle seconde palle. Anche domenica è successo, siamo sempre lì. È un principio che deve diventare nostro e fatto sempre di più in tutte le partite”.

L'articolo Mancini: “Vi racconto l’abbraccio con Mourinho. Ha portato mentalità, ci fa sentire importanti” sembra essere il primo su Roma news.

Roma, El Shaarawy: “Dobbiamo tenere alto quest’entusiasmo, Mourinho sa toccare le corde giuste”

ROMA CSKA SOFIA INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del giallorosso in occasione di Roma-CSKA Sofia, match valido per la 1a giornata del girone C di Conference League.

El Shaarawy a Sky Sport

L’entusiasmo dei tifosi. L’anno scorso c’era un clima pesante. Senti questa partecipazione diversa?
“Si respira un’aria diversa. L’arrivo di Mourinho ha portato entusiasmo. Noi lo stiamo seguendo, ma bisogna tenere alto questo entusiasmo perchè le cose cambiano repentinamente.

Mourinho ha detto bene il risultato ma la squadra non mi è piaciuta. Non essere mai soddisfatto è un valore dell’allenatore?
“Anche quando si vince di tanto alcune cose non vanno bene e poi analizzati. Bravi a recuperare subito e a gestire. Siamo soddisfatti.”

El Shaarawy è tornato?
“Bisogna sempre lavorare e mai esaltarsi. Abbiamo vinto 6 partite e segnato 3 gol ma dobbiamo continuare a lavorare.”

Qual è il tuo rapporto con Mourinho?
“Lui comunica tanto con i giocatori. Mi ha parlato anche prima del Sassuolo. Sa toccare le corde giuste e ti motiva. Sa dire sempre le cose giuste al momento giusto. Un onore per me essere allenato da lui. Ha vinto tantissimo, noi dobbiamo seguirlo.”

Media gol ottima, questi numeri li hai già girati a Mancini? Puoi arrivare al Mondiale?
“Questo è un obiettivo. Per andare in Nazionale devo fare bene qui. Prima del Mondiale c’è la Roma in Serie A e in Conference. Mi è dispiaciuto non andare all’Europeo”

L'articolo Roma, El Shaarawy: “Dobbiamo tenere alto quest’entusiasmo, Mourinho sa toccare le corde giuste” sembra essere il primo su Roma news.

CSKA Sofia, Mladenov: “Questo risultato non dà l’immagine della nostra squadra, l’ha detto anche Mourinho”

ROMA CSKA SOFIA INTERVISTE MLADENOV – Tutte le dichiarazioni del tecnico Stoycho Mladenov in occasione di Roma-CSKA Sofia, match valido per la 1a giornata del girone C di Conference League.

Mladenov in conferenza stampa

Perché questo crollo dopo il vantaggio: come lo spiega?
“Credo che all’inizio abbiamo avuto la possibilità di segnare un altro gol dopo il vantaggio. Poi ci sono state situazioni, ma è difficile mantenere quel ritmo per 90 minuti. Dopo l’espulsione la Roma ha preso il sopravvento, hanno grande classe, e non abbiamo potuto fare nulla”.

All’inizio la squadra è riuscita a mantenere un certo livello. Dopo l’espulsione è cambiato tutto. Quando torneranno gli infortunati, la squadra sarà più pronta?
“Da quando ho iniziato a guidare la squadra non siamo mai stati forti nel turnover. Ci sono tanti infortunati e Caicedo squalificato. Ma sappiamo che la Roma ha speso 100 milioni per acquistare molti giocatori, ma sono sicuro che se rientrano gli infortunati possiamo fare molto meglio. Anche Mourinho ha detto che il risultato non risponde alla realtà: per gran parte della partita abbiamo fatto bene. Cambieremo modulo nelle prossime partite”.

La Roma ha attaccato tanto sulla destra. Colpa del singolo o ci sono errori di squadra?
“Non posso indicare errori individuali, un colpevole, una pecora nera. Il calcio è un gioco collettivo, ci sono una serie di errori, non solo di una persona. Sono convinto che è stata una partita positiva per noi, sono convinto che potremo presentarci in modo migliore. Questa partita dà un’immagine sbagliata della squadra”

L'articolo CSKA Sofia, Mladenov: “Questo risultato non dà l’immagine della nostra squadra, l’ha detto anche Mourinho” sembra essere il primo su Roma news.

Pellegrini: “Quest’anno c’è qualcosa di speciale a Trigoria. Mou? Non posso che dirgli grazie”

ROMA CSKA SOFIA PELLEGRINI INTERVISTA – Tutte le dichiarazioni del giallorosso in occasione di Roma-CSKA Sofia, match valido per la 1a giornata del girone C di Conference League.

Pellegrini a Sky Sport

Lorenzo Pellegrini uscito in una standing ovation e un primo gol fantastico
“Si è uscito bene e l’importante era recuperare dopo che ci hanno colto alla sprovvista. Non è importante come ma è entrata.”

Nessun centrocampista segna come te, quanto ti ha aiutato Mourinho?
“Moltissimo. Posso dirgli solo grazie ma è solo l’inizio. Quest’anno c’è qualcosa di speciale a Trigoria e dobbiamo proseguire così per vincere qualcosa.”

In cosa c’è qualcosa di speciale?
“In tutto tanto. Siamo messi bene sia difensivamente che offensivamente. Si avverte qualcosa di speciale che mai ho vissuto a Trigoria. Ce lo viviamo e proviamo a trarne il massimo dei frutti.”

Da tanto non si vedevano così tanti tifosi
“Ne parlavo con Villar che mi diceva quanto è bello. Gli raccontavo dei nostri tifosi anche se solo al 50%. Speriamo di vederli sempre di più perchè se vinciamo è merito loro.”

L'articolo Pellegrini: “Quest’anno c’è qualcosa di speciale a Trigoria. Mou? Non posso che dirgli grazie” sembra essere il primo su Roma news.

La carezza d’autore del Capitano, il cinismo sotto porta e la Roma di Mourinho sa solo vincere

ROMA PELLEGRINI MOURINHO – Tutto troppo facile per la Roma che infila anche il sesto risultato utile su 6 impegni stagionali, 3 in campionato e 3 in Europa. Il risultato è utilissimo, visto che Mourinho fa bottino pieno anche all’esordio di Conference League, annichilendo un volenteroso CSKA Sofia. I giallorossi sanno solo vincere da quando sulla panchina si è seduto lo Special One.  Soltanto Rudi Garcia aveva esordito con questi numeri all’ombra del Colosseo.

Promossi e bocciati

Note liete e altre meno. Confortante il rientro di Smalling che gioca tutta la partita dopo aver smaltito un infortunio muscolare. Per El Shaarawy 3 gol in 96 minuti giocati in questa stagione. Pellegrini fa doppietta e spettacolo. Mancini a tutto campo la butta anche in rete, Abraham fa il suo primo gol in casa. Ma c’è da registrare qualcosa in difesa visto come è nato il gol (il primo subito nei 45’ iniziali e il primo svantaggio stagionale per i giallorossi) dell’1-0 avversario che ha gelato, dopo 10’, l’Olimpico quasi sold out.  Odora di bocciatura poi l’uscita prematura della coppia Diawara-Villar, schierati dal primo minuto e sostituiti al 57’ (sul risultato ancora in bilico di 2-1 per la Roma) per lasciar posto ai big del centrocampo Cristante-Veretout.  Un segnale chiaro da parte di Mourinho, la cui mossa sortisce subito gli effetti sperati. Con l’ingresso in campo del duo titolare, la squadra ha accelerato la manovra e chiuso i giochi dilagando con il 5-1 finale.

Pellegrini e la carezza d’autore

Una serata straordinaria per Lorenzo Pellegrini che firma una doppietta e un gol, il primo, splendido. Con coraggio pareggia i conti dopo lo svantaggio con un destro morbidissimo all’incrocio a scavalcare il portiere, dal limite dell’area. E si va a prendere gli applausi senza strizzare l’occhio ai facili entusiasmi. Serio, testa sulle spalle, nessun turbamento nonostante le tante e intense interlocuzioni per il rinnovo di contratto. Portamento da capitano vero.  In settimana lo ha incoronato anche Francesco Totti, uno che di fasce se ne intende. La crescita di Pellegrini è sotto gli occhi di tutti, in Europa centrocampisti prolifici come lui non ce ne sono. La fiducia plateale accordatagli da Mourinho in questi primi mesi a Trigoria, hanno un peso specifico considerevole. Lorenzo quest’anno fa sul serio e anche la sua Roma.

GSpin

L'articolo La carezza d’autore del Capitano, il cinismo sotto porta e la Roma di Mourinho sa solo vincere sembra essere il primo su Roma news.

Mourinho: “Non abbiamo meritato di vincere 5-1. Pellegrini? Mi ha detto che firmerà a giorni”

ROMA CSKA SOFIA INTERVISTE MOURINHO – Tutte le dichiarazioni di José Mourinho in occasione di Roma-CSKA Sofia, match valido per la 1a giornata del girone C di Conference League.

Mourinho a Sky Sport

Sono sei le vittorie consecutive. Partita dominata a parte il gol subito. Sette titolari nuovi e subito una risposta importante. Tutti coinvolti?
“Si ma non abbiamo giocato bene. Si sta creando una squadra. Lo sarà più importante quando perderemo. Ma non abbiamo giocato bene”

Cosa non le è piaciuto?
“La qualità del gioco. Non abbiamo fatto quello che avevamo preparato. Poca intensità a centrocampo e terzini male. Perso tantissimi duelli difensivi. Shomurodov e Pellegrini pressavano alto e molto bene. Non abbiamo giocato male ma non abbiamo meritato di vincere 5-1. Siamo più squadra ma non mi è piaciuto”.

Pellegrini fino a qualche mese fa era discusso a Roma. Ora un salto di qualità da quando c’è lei clamoroso. Ci sono dei suoi meriti?
“Cresceremo tutti insieme. Anche io cresco con loro. Bisognerebbe chiedere a lui. Ha un grande potenziale. Mi ha detto ieri che firmerà il contratto nei prossimi giorni. Penso che questo darà forza ancora con i tifosi. Ha grande qualità e il capitano e firmerà un nuovo contratto che lo legherà con i tifosi ancora di più”.

Hai fatto giocare sempre i titolari e oggi hai cambiato. Non pensavi che la qualità potesse peggiorare? Ibanez può fare il terzino?
“I cinque cambi mi danno come allenatore un modo diverso di gestire le partite. La nostra panchina oggi era una super panchina che mi permetterebbe di fare qualcosa anche se all’intervallo siamo sotto. Tutte le opzioni offensive erano lì. Questo mi dava tranquillità per far giocare altri. Ho detto già che la differenza tra noi e le altre sono le opzioni che loro hanno in tutte le posizioni e noi no. I ragazzini devono crescere e diventare da bambini a giocatori propositivi. Abbiamo chiuso oggi con 4 centrali in campo nella linea”.

A Roma c’è un grande entusiasmo grazie a lei. Ho l’impressione che lei lo debba anche gestire
“Certo, è vero. Io l’altro giorno scherzavo con lo staff, noi dobbiamo andare a San Pietro tutti i giorni a pregare per non avere infortuni. Una stagione è una maratona e dobbiamo gestire le emozioni. Ho detto che 5 vittorie non sono 50 e 6 non sono 60. Dobbiamo fare le cose con tranquillità per quello che stiamo costruendo. Stiamo costruendo un’anima e tatticamente dobbiamo migliorare. Questa empatia tra squadra e tifosi è molto positiva. Quando arriverà il buio dovremo essere più squadra e più club come ho detto ai miei ragazzi. Non abbiamo giocato molto bene come squadra anche se l’approccio era positivo. Con 12 punti finisce la storia, ne abbiamo 3 ne mancano 9.”

Ha detto al Tottenham che erano bravi ragazzi, anche qui a Roma?
“No ma dobbiamo avere uno spirito propositivo. In allenamento dicevo un minuto per finire, 45 secondi, 30 secondi e chi vinceva andava a prendere la palla. Ho detto che fai? Mi voglio divertire. E io gli ho detto divertire è vincere se no si è st****o. Questo tipo di messaggio deve passare soprattutto per i giovani che devono imparare la mia filosofia. Divertire è vincere”

L'articolo Mourinho: “Non abbiamo meritato di vincere 5-1. Pellegrini? Mi ha detto che firmerà a giorni” sembra essere il primo su Roma news.

PAGELLE di Roma-CSKA Sofia: Pellegrini è Lorenzo d’Europa. El Shaarawy e Shomurodov, che voglia!

PAGELLE ROMA CSKA SOFIA – La Roma inizia con il piede giusto anche in Europa e vince per contro il CSKA Sofia, nella prima giornata del girone C di Conference League. Eppure per i giallorossi la partita si era messa male, con il vantaggio degli ospiti dopo 10′ minuti con il gol di Carey dopo una dormita collettiva della retroguardia capitolina. Gli uomini di Mourinho riescono a rimettere subito in piedi la partita e a rimontare nel primo tempo: il pareggio è di Pellegrini, il gol del vantaggio di El Shaarawy. Nel secondo tempo lo ‘Special One’ mette in campo più di un titolare e la Roma dilaga: arriva il tris, sempre con Pellegrini servito da Calafiori, poi il poker di Mancini e, infine, il primo gol all’Olimpico di Abraham per la manita. Il cammino europeo inizia nel modo giusto.

Leggi anche:
Roma, Pellegrini sul tetto d’Europa: nessuno come lui nei top cinque campionati

Le pagelle di Roma-CSKA Sofia

Rui Patricio 6. Non può nulla sul gol, per il resto è sempre attento e sicuro.

Karsdorp 6. Quarantacinque minuti di corsa e presenza sulla fascia destra e da un suo passaggio nasce il gol del pareggio di Pellegrini. Come tutto il resto della difesa, però, è troppo leggero in occasione della rete del momentaneo vantaggio del CSKA. Nel secondo tempo Mourinho gli concede del meritato riposo anche perché accusa un lieve affaticamento muscolare. Stakanovista.

Smalling 6. Come tutta la difesa è tutt’altro che esente da colpe in occasione del primo gol, ma guadagna sicurezza, dopo una lunga assenza dagli impegni ufficiali, man mano che la gara va avanti.

Mancini 6,5. Anche lui è troppo sufficiente in occasione del gol del Cska, ma con il passare dei minuti torna a comandare la difesa con sicurezza e affidabilità. Si toglie anche la soddisfazione della rete siglando il poker finale.

Calafiori . Una delle ultime gare giocate da titolare è quella dell’Olimpico in Europa League contro l’Ajax. Ritorna dal 1′ sempre in una competizione europea e con un’azione molto simile a quella sera in cui servì l’assist per il gol a Dzeko, fa la stessa cosa ma stavolta per Lorenzo Pellegrini. Oltre all’ottimo assist, però, c’è anche una prestazione solida e sicura. Fino al rientro di Spinazzola, la Roma con lui e Vina è in mani sicure sulla fascia sinistra.

Diawara 6. Prestazione sufficiente, si limita a non sbagliare e svolgere il suo compito nel modo più ordinato possibile.

Villar 6. Anche lui non è del tutto esente da colpe sul gol del vantaggio di Carey, con una corsa all’indietro verso l’area di rigore davvero troppo lenta. Con il passare dei minuti, però, la prestazione migliora: vince tanti duelli in mezzo al campo (7 su 9) e regala un cioccolatino ad El Shaarawy che, però, viene anticipato al momento del tiro. Esce dal campo con la faccia un po’ spenta: animo, Gonzalo!

Perez 6. Il più spento del reparto offensivo, ma comunque autore di una prestazione sufficiente.

Pellegrini 8. Serata da Lorenzo d’Europa. Non solo perché trova una grande doppietta (il primo gol è magnifico) all’esordio in Conference League ma anche perché stasera diventa il centrocampista ad aver segnato di più in questa stagione nei top 5 campionati continentali. E’ inoltre il primo giocatore della storia a segnare in tutte e tre le competizioni europee. Ci accodiamo a Mourinho: il rinnovo prima possibile.

El Shaarawy 7. 5 presenze, ma in realtà poco più di 100 minuti totali, e già 3 gol. In più, mai una polemica. E’ la forza di Stephan El Shaarawy: lavorare nel modo giusto, in silenzio, e farsi trovare pronti al momento giusto. Stasera un altro bellissimo tiro a giro per mettere la partita della Roma in discesa. La Cina ormai è davvero solo un ricordo: Stephan si vuole riprendere la capitale.

Shomurodov 7. Busatto gli nega la via del gol (anche se lui può fare molto meglio), ma la prestazione spiega perché Mourinho lo abbia voluto. E’ in costante movimento, è capace di dare fastidio gli avversari e recuperare palla in zona offensiva, detta sempre la profondità ed è lucido negli ultimi 16 metri: serve ancora una volta l’assist per il gol di El Shaarawy e poi quello per El Shaarawy. E’ sfortunato a non trovare il gol all’Olimpico: come Abraham viene fermato solo dai legni. Risorsa importantissima.

dal 46′ Ibanez 6. La serata giusta per iniziare a fargli prendere le misure con il ruolo di terzino.

dal 57′ Cristante 6. Poco più di mezz’ora di gestione e lavoro di ordinaria amministrazione in mezzo al campo.

dal 58′ Veretout 6. Anche per lui, come per Cristante, mezz’ora per non perdere ritmo e continuare a mettere benzina nelle gambe.

dal 74′ Abraham 6,5. Finalmente il ‘battesimo all’Olimpico: primo gol in casa con movimento in profondità e tocco sotto a saltare il portiere. L’Olimpico va in delirio e lui si sblocca anche in casa. Go ahead Tammy!

dal 76′ Kumbulla sv. Entra come terzino destro. Qualche corsa e poco più.

Mourinho 8. Sesta vittoria su sei partite e stavolta in Europa riuscendo a gestire al meglio le energie con un turnover ragionato. Anche in svantaggio, la squadra non si perde ritrova subito la partita e la chiude senza soffrire più. Per usare un termine sempre più inflazionato è senza dubbio un momento ‘Special’ per la Roma e la forza di Mou ora dovrà essere quello di gestirlo e di continuare ad alimentare questa magia. Se non lui, chi può farlo?

Alessandro Tagliaboschi

L'articolo PAGELLE di Roma-CSKA Sofia: Pellegrini è Lorenzo d’Europa. El Shaarawy e Shomurodov, che voglia! sembra essere il primo su Roma news.

Roma, Pellegrini sul tetto d’Europa: nessuno come lui nei top cinque campionati

ROMA PELLEGRINI – Alla carezza dello Stadio Olimpico che ha rimesso in pari il punteggio tra Roma e CSKA Sofia dopo il vantaggio di Carey in Conference, Lorenzo Pellegrini aggiunge un altro tassello di pregevole fattura. Il capitano della Roma contro il Verona sigla il vantaggio gonfiando la rete con un bellissimo gol di tacco in acrobazia. Con queste reti il numero 7 arriva a quota 6 quest’anno, considerando tutte le competizioni. Stando a quanto riporta il portale di statistiche Opta, è una cifra già da record: nessun centrocampista nei top cinque campionati europei ha segnato di più nella stagione in corso. Non solo, il classe ’96 ha partecipato attivamente a quattro gol in totale nelle ultime tre presenze in Serie A (tre reti e un assist), tanti quanti nelle precedenti 15 gare nella competizione.

L'articolo Roma, Pellegrini sul tetto d’Europa: nessuno come lui nei top cinque campionati sembra essere il primo su Roma news.