Tracollo Roma, quattro punti nelle ultime cinque partite: numeri da retrocessione

ROMA NUMERI GIRONE DI RITORNO – Quattro punti in 5 partite. Nell’ultimo mese di campionato, peggio della Roma hanno fatto solo il Crotone fanalino di coda, e poi Cagliari e Verona, che ne hanno conquistati 3. Numeri impietosi che spiegano il girone di ritorno disastroso dei giallorossi.

Terzo anno di fila senza Champions

Come scrive Il Corriere dello Sport, rispetto alle avversarie per una qualificazione in Champions ormai impossibile, la squadra di Fonseca ha perso 49 punti in questo periodo: 11 da Lazio e Atalanta, 9 da Inter e Napoli, 6 dal Milan, 3 dalla Juventus. Sesta nel 2018-19, quinta nel 2019-20, la Roma a meno di miracoli rimarrà fuori dalle prime quattro per il terzo campionato di fila: in questo millennio era successo solo nel periodo di passaggio tra la proprietà Sensi e quella americana, sesta-settima-sesta tra il 2020-11 e il 2012-13.

Leggi anche:
ROMA, GIRONE DI RITORNO DA HORROR: I NUMERI

L'articolo Tracollo Roma, quattro punti nelle ultime cinque partite: numeri da retrocessione sembra essere il primo su Romanews.

Serie A, club infuriati con Juve, Milan e Inter. Cairo al veleno: “Agnelli è un Giuda, Marotta vergognoso”

SERIE A SUPERLEGA GRAVINA – E’ stata una riunione di Lega movimentata quella di ieri, convocata per affrontare il tema Superlega. Andrea Agnelli, presidente della Juventus, è stato il più criticato. Durante un intervento rivolto alla platea in video collegamento è stato il presidente del Torino, Urbano Cairo, ad apostrofarlo ripetutamente come “Giuda”. Uno sfogo che più tardi ha argomentato all’Ansa: “È un attentato alla salute di una associazione come la Lega: se uno come Marotta, a.d. dell’Inter, fa una cosa del genere si deve dimettere dalla Figc subito, e deve vergognarsi”.

Dura opposizione della Figc

Il punto di vista di Cairo, come scrive l’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, è condiviso da tutti i colleghi al vertice delle altre società, ovviamente contrari al progetto. Tra i più duri anche Preziosi del Genoa e Ferrero della Sampdoria. Nel mirino anche Scaroni, presidente rossonero. Il presidente federale Gabriele Gravina, a Montreux, in Svizzera, per il congresso della Fifa, non fa passi indietro. “Ribadisco il nostro no. L’unica riforma percorribile è quella nata dalla proposta Uefa sulla Champions League. Ogni tentativo di fuga in avanti è irricevibile e dannoso per il calcio europeo. L’adesione a questo progetto pone gli stessi club al di fuori dal contesto riconosciuto dalla Fifa”.

Leggi anche:
SUPERLEGA, DURA OPPOSIZIONE DEI FRIEDKIN

L'articolo Serie A, club infuriati con Juve, Milan e Inter. Cairo al veleno: “Agnelli è un Giuda, Marotta vergognoso” sembra essere il primo su Romanews.

Superlega, Roma e Lazio fuori: la classifica può essere stravolta

SUPERLEGA ROMA SERIE A CALCIO – E’ scoppiato il caos Superlega, la nuova competizione che rischia di cambiare per sempre il calcio. Tra le 12 squadre fondatrici non ci sono le squadre romane. Roma e Lazio si sono tirate fuori ma seguono con attenzione gli sviluppi. L’aspetto positivo è che dopo anni, sarebbe molto più facile lottare per il tricolore. Tuttavia l’esclusione di Milan, Inter e Juventus dal campionato italiano sarebbe un problema enorme, e sicuramente uno Scudetto senza batterle non avrebbe di sicuro lo stesso sapore.

Manchester e Arsenal a rischio esclusione: possibilità finale tra Roma e Villarreal

Come scrive Il Messaggero, la Roma non ha commentato ufficialmente la nuova manifestazione, ma trapela scetticismo. Il presidente Dan Friedkin ha preferito non uscire allo scoperto, anche se i dirigenti della società hanno rinnovato la fedeltà alla Uefa e al suo presidente Ceferin. Uefa che ha minacciato di escludere tutti i club che prenderanno parte alla Superlega dalle Coppe internazionali, e quel punto potrebbero esserci dei clamorosi ribaltamenti di fronte, che riguarderebbero proprio la Roma. Il Manchester United, infatti, facendo parte dei club fondatori e prossimo avversario dei giallorossi, sarebbe escluso dall’Europa League e permetterebbe alla Roma di volare direttamente in finale dove affronterà il Villarreal, anche loro in finale perché avversari dell’Arsenal, club fondatore.

Leggi anche:
SUPERLEGA, I FIEDKIN DURI CONTRO I CLUB SCISSIONISTI

L'articolo Superlega, Roma e Lazio fuori: la classifica può essere stravolta sembra essere il primo su Romanews.

Torino-Roma, granata da record contro i giallorossi: 27 tiri effettuati

TORINO ROMA RECORD TIRI – La Roma esce sconfitta dal confronto con il Torino, valido per il 31° turno di Serie A. I giallorossi sono passati in vantaggio all’inizio del primo tempo, poi gli uomini di Nicola hanno dilagato nella ripresa e ribaltato il risultato. I granata non hanno mai creato così tante occasioni da gol dal 2005, anno in cui Cairo è diventato presidente del club. Come riportato da Opta Paolo, oggi contro la squadra di Fonseca il Torino ha effettuato ben 27 tiri. Solo nel 2015 contro il Milan aveva fatto altrettanto bene.

Leggi anche:
Torino-Roma, le pagelle

L'articolo Torino-Roma, granata da record contro i giallorossi: 27 tiri effettuati sembra essere il primo su Romanews.

Gli highlights di Torino-Roma 3-1

HIGHLIGHTS TORINO ROMA – La Roma scende in campo per affrontare il Torino nel match valido per il 31° turno di Serie A. I giallorossi partono subito forti e dopo appena 3 minuti dal fischio d’inizio trovano il gol del vantaggio con Borja Mayoral. I granata però provano subito a replicare, facendosi avanti con Belotti, Verdi e Sanabria. Il gol del pareggio non arriva e nemmeno quello del raddoppio della squadra di Fonseca, che dopo la prima mezz’ora sembra lasciare l’iniziativa agli avversari. Nella ripresa la Roma non punge. Lo fa invece il Torino, che la ribalta grazie ai gol dell’ex Sanabria e di Zaza. All’85’ poi Diawara viene espulso per doppia ammonizione e i giallorossi restano in dieci. Il colpo di grazia però arriva al 92′, quando l’errore di Fazio spiana la strada a Rincòn per il gol del 3-1.

Leggi anche:
Torino-Roma, la cronaca

Le scelte di Fonseca

Fonseca sceglie di affidarsi ad un ampio turnover per il match contro il Torino. In porta c’è quindi Mirante, in campo domenica scorsa contro il Bologna. In difesa partono dal primo minuto Fazio, Cristante e Ibanez. Il diffidato Mancini siede in panchina. A centrocampo torna la coppia formata da Veretout e Villar, sulle fasce invece Reynolds e Bruno Peres. La staffetta Dzeko-Mayoral prosegue e lo spagnolo gioca di nuovo titolare dopo essere partito dalla panchina contro l’Ajax in Europa League. Sulla trequarti ci saranno invece Carles Perez e Pedro. Out Pellegrini per squalifica. Per quanto riguarda invece il Torino, Nicola opta nuovamente per il 3-5-2. Tra i pali c’è Milinkovic-Savic al posto di Sirigu, ancora positivo al Covid-19. Poi difesa a tre formata da Izzo, Nkoulou e Bremer. Davanti spazio a Vojvoda, Mandragora, Rincòn, Verdi e Ansaldi. In attacco c’è la coppia Belotti-Sanabria.

Foto Tedeschi

Gli highlights di Torino-Roma, giallorossi in vantaggio a tre minuti dal fischio d’inizio

Fischio d’inizio dell’arbitro Massa e primo pallone giocato dalla Roma, che parte subito forte. Al 3′ Mayoral batte Milinkovic-Savic con estrema freddezza dopo essere stato servito in area da Veretout. In un primo momento il direttore di gara annulla la rete per fuorigioco, poi il Var lo richiama e spiega che lo spagnolo era tenuto in gioco da Nkoulou. La rete viene quindi convalidata e la squadra di Fonseca passa subito in vantaggio. Il Torino cerca immediatamente di reagire, alzano i ritmi e affacciandosi in area di rigore con Verdi e il capitano Belotti, pericolo numero uno per la difesa giallorossa. Al 15′ i granata sfiorano il gol de pareggio con un tiro in diagonale di Ansaldi, respinto prontamente da Mirante. Sulla ribattuta poi Lukic spara alto. Cinque minuti più tardi è la Roma a divorarsi il gol del 2-0. Ottima ripartenza dei giallorossi, che scappano via con Carles Perez. Lo spagnolo serve il connazionale Pedro in area, che però viene anticipato all’ultimo secondo in scivolata da Mandragora.

Leggi anche:
Torino-Roma, Mayoral sale a quota 15: è il suo record in carriera

Il Torino spinge a caccia del gol del pareggio

Al 22′ è ancora il Torino a rendersi pericoloso con Sanabria, servito in area con un lancio lungo. L’attaccante arriva sulla palla in spaccata, ma il tiro termina fuori di pochissimo. Le due formazioni lottano a centrocampo nel tentativo di riconquistare il pallone e scattare verso la porta avversaria. Mirante rischia una clamorosa papera al 28′: Reynolds sbaglia in fase di costruzione e Ansaldi ne approfitta per recuperare il pallone e andare alla conclusione. Il portiere giallorosso si fa sfuggire la sfera vicino alla linea di porta, ma poi riesce a riconquistarla prima che sia troppo tardi. In questi minuti è il Toro a creare il maggior numero di occasioni da gol. Al 33′ è ancora un errore dei giallorossi a spalancare le porte al Torino: Pedro perde palla e Lukic va al tiro, ma questa volta Mirante non si fa sorprendere. Belotti si mette in proprio e al 40′ prova un tiro al volo, che viene deviato. Il portiere giallorosso si tuffa ed evita il peggio con un bell’intervento. La Roma cerca di approfittare di alcuni momenti di incertezza degli avversari per correre verso la porta, ma fatica ad impensierire Milinkovic-Savic. Dopo un minuto di recupero arriva il duplice fischio di Massa e le squadre rientrano negli spogliatoi.

romanews-roma-antonio-mirante-juventus-olimpico
Foto Tedeschi

Gli highlights di Torino-Roma, il secondo tempo

Primo cambio per la Roma al rientro in campo: Mkhitaryan prende il posto Pedro, messo ko da un risentimento muscolare, ma modulo e gioco restano gli stessi. I giallorossi sembrano subito più propositivi rispetto a quanto visto negli ultimi minuti del primo tempo. Al 50′ sfiorano il gol del raddoppio con un cross di Veretout deviato di testa da Ibanez, che manca di pochissimo lo specchio della porta. Al 51′ Massa estrae il primo cartellino giallo del match. Nkoulou viene ammonito per un fallo su Carles Perez. Cinque minuti più tardi, sugli sviluppi di un corner battuto da Verdi, Bremer salta e colpisce di testa, ma il pallone termina sul fondo.

Leggi anche:
Espulso Diawara per doppia ammonizione: il secondo rosso nella stagione della Roma

Il Torino pareggia con Sanabria e la ribalta con Zaza

Al 57′ arriva il gol del pareggio del Torino. Cross di Ansaldi per l’ex giallorosso Sanabria, che anticipa di testa Mirante e segna il gol dell’1-1. Al 63′ Nicola effettua il primo cambio: fuori Vojvoda, dentro Singo. Un terzino destro per un terzino destro, non cambia quindi la strategia del Toro. Un minuto più tardi anche Fonseca mette mano alla panchina: esce Veretout ed entra Diawara. La sostituzione decisiva per il Toro però è quella che va in scena al 70′: fuori Sanabria per Zaza. I due attaccanti si danno il cambio ed è proprio il secondo a realizzare il gol del 2-1, dopo appena un minuto dal suo ingresso in campo. Mirante riesce infatti a respingere la conclusione calciata da Belotti, ma non può fare nulla sul tiro di controbalzo del numero 11. L’allenatore della Roma prova a ricompattare la squadra inserendo Karsdorp e Dzeko al posto di Reynolds e Mayoral. E’ però ancora il Torino a rendersi pericoloso al 78′. Ci prova Mandragora di sinistro, il tiro è forte, ma il portiere giallorosso riesce a deviarlo in angolo. I granata cercano di difendere il risultato pressando alto la Roma e costringendola a giocare nella sua metà campo. All’84’ arriva lo squillo di Dzeko che svetta di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo, ma la palla termina fuori di pochissimo.

Finale da incubo per la Roma: Diawara espulso all’85’ e il Torino fa 3-1 con Rincòn

A cinque minuti dalla fine la partita si complica ulteriormente per la Roma, già sotto di un gol. Diawara commette fallo su Zaza al limite dell’area e Massa lo butta fuori. Quello che estrae è infatti il secondo giallo per il centrocampista, costretto ad abbandonare il campo. Al 90′ la lavagnetta luminosa del quarto uomo segnala 4 minuti di recupero. Al 92′ arriva il colpo del ko definitivo per la squadra di Fonseca. Fazio commette un errore clamoroso, Belotti recupera la palla e serve in area Rincòn, che non sbaglia una volta solo davanti a Mirante. Il match termina 3-1 per il Torino.

Martina Cianni

L'articolo Gli highlights di Torino-Roma 3-1 sembra essere il primo su Romanews.

LIVE Serie A, si giocano Sampdoria-Verona e Crotone-Udinese

SERIE A – Si alza il sipario sulla 31° giornata di Serie A. Il turno inizia sabato alle 15 con Sampdoria-Verona e CrotoneUdinese e si conclude domenica con il big match Napoli-Inter, in programma alle 20.45. Questo tutto il programma e i risultati di giornata.

SABATO 17

Ore 15.00
Sampdoria-Verona 0-0*
Crotone-Udinese 0-0*
Ore 18.00
Sassuolo-Fiorentina
Ore 20.45
Cagliari-Parma

DOMENICA 18

Ore 12.30
Milan-Genoa
Ore 15.00
Atalanta-Juventus
Bologna-Spezia
Lazio-Benevento
Ore 18.00
Torino-Roma
Ore 20.45
Napoli-Inter

*in corso

L'articolo LIVE Serie A, si giocano Sampdoria-Verona e Crotone-Udinese sembra essere il primo su Romanews.

Serie A, finisce 1-1 tra Napoli e Inter: Eriksen rimedia all’autogol di Handanovic

SERIE A – Si alza il sipario sulla 31° giornata di Serie A. Il turno inizia sabato alle 15 con Sampdoria-Verona e CrotoneUdinese e si conclude domenica con il big match Napoli-Inter, in programma alle 20.45. Questo tutto il programma e i risultati di giornata.

SABATO 17

Ore 15.00
Sampdoria-Verona 3-1 (13′ Lazovic, 46′ Jankto, 73′ Gabbiadini, 82′ Thorsby)
Crotone-Udinese 1-2 (41′, 74′ De Paul, 68′ Simy)
Ore 18.00
Sassuolo-Fiorentina 3-1 (31′ Bonaventura, 59′ Berardi (R), 61′ Berardi (R), 75′ Lopez)
Ore 20.45
Cagliari-Parma 4-3 (5′ Pezzella, 31′ Kucka, 39′ Pavoletti, 59′ Man, 66′ Marin, 91′ Pereiro, 94′ Cerri)

DOMENICA 18

Ore 12.30
Milan-Genoa 2-1 (13′ Rebic, 36′ Destro, 68′ aut. Scamacca)
Ore 15.00
Atalanta-Juventus 1-0 (87′ Malinovsky)
Bologna-Spezia 4-1 (13′ rig. Orsolini, 18′ Barrow, 34′ ISmajili, 55′, 60′ Svanberg)
Lazio-Benevento 5-3 (10′ aut. Depaolo, 21′ Immobile, 37′ Correa ,45′ Sau, 46′ aut Montipò, 62′ rig. Viola, 85′ Glik, 90’+6′ Immobile)
Ore 18.00
Torino-Roma 3-1 (3′ Mayoral, 57′ st Sanabria, 70′ Zaza, 92′ st Rincon)
Ore 20.45
Napoli-Inter 1-1 (36′ aut. Handanovic, 55′ Eriksen)

*in corso

L'articolo Serie A, finisce 1-1 tra Napoli e Inter: Eriksen rimedia all’autogol di Handanovic sembra essere il primo su Romanews.

Torino, secondo peggior rendimento della Serie A in casa: solo una vittoria in 14 gare

TORINO ROMA, L’AVVERSARIA – Dopo aver conquistato l’accesso alle semifinali di Europa League, la Roma si prepara a scendere in campo per affrontare il Torino, nel match valido per il 31° turno di Serie A. L’obiettivo per i giallorossi è sempre vincere, per tentare di riavvicinarsi alla zona Champions.

Prossimi impegni

Torino-Roma (31° turno di Serie A, 18 aprile ore 18.00, Stadio Olimpico di Torino)
Bologna-Torino (32° turno di Serie A, 21 aprile ore 20.45, Stadio Renato Dall’Ara)
Torino-Napoli (33° turno di Serie A, 26 aprile ore 18.30, Stadio Olimpico di Torino)
Torino-Parma (34° turno di Serie A, 3 maggio ore 20.45, Stadio Olimpico di Torino)

Leggi anche:
Torino-Roma, l’arbitro è Massa: l’ultimo precedente la sfuriata di Fonseca con il Cagliari

Come il Torino arriva alla sfida contro la Roma

L’ultima giornata di Serie A ha visto il Torino impegnato in trasferta contro l’Udinese. Il match andato in scena allo Stadio Friuli è terminato 1-0 per i granata, a segno su rigore con Bellotti al 61′, dopo un primo tempo finito a reti inviolate. Dopo la vittoria contro i bianconeri gli uomini di Nicola si trovano al quartultimo posto in classifica, a quota 27 punti e a +5 sulla zona retrocessione, attualmente occupata da Cagliari, Parma e Crotone, ma con una partita ancora da recuperare.

Punti di forza e debolezze

Il bilancio del Torino in campionato è negativo: in 29 gare ha ottenuto 5 vittorie, 12 pareggi e 12 sconfitte. Ha realizzato 42 gol (media di 1.45 a partita) e ne ha incassati 52 (media di 1.8 a partita, quinta peggior difesa della Serie A). Il suo saldo reti è quindi negativo (-10). La squadra di Nicola ha effettuato 323 tiri, 156 dei quali in porta (48%) e 350 cross, 116 dei quali utili (33%). E’ ultima per media di chilometri percorsi a partita (106) e terza per numero di legni colpiti (16) e di gol realizzati di testa (9). Inoltre è tra le squadre con il minor possesso palla in campionato (media di 24 minuti a partita, 10 nella metà campo avversaria). Il rendimento del Torino è migliore in trasferta, dove ha ottenuto 4 pareggi, 4 vittorie e 7 sconfitte, ha segnato 22 gol e ne ha incassati 27 (media di 1.07 punti a partita). All’Olimpico di Torino invece sono arrivati 8 pareggi, 5 sconfitte e una sola vittoria, sono stati realizzati 20 gol e ne sono stati subiti 25 (media di 0.79 punti a partita). Solo il Parma ha fatto peggio in casa. Un’occhiata al cronometro rivela che la squadra di Nicola tende ad essere più vulnerabile e allo stesso tempo più pericolosa nell’ultimo quarto d’ora di gioco (35% dei gol fatti e 30% dei gol subiti tra il 75′ e il 90′).

Leggi anche:
Lazio-Torino, recupero ancora in dubbio: il derby con la Roma può essere anticipato

I numeri dei singoli

Il miglior marcatore del Torino è Belotti, autore di 12 gol in 27 presenze. Il capitano granata è anche il giocatore che ha servito più assist (5), creato più occasioni da gol (34) ed effettuato più tiri (81) finora. Mandragora spicca invece tra i compagni per la media di chilometri percorsi a partita (11.8). Nkoulou vanta la più alta percentuale di precisione dei passaggi (88.7%), mentre Bremer domina per quanto riguarda i duelli aerei vinti (media di 2.9 a partita). I giocatori più utilizzati in campionato da Nicola sono Sirigu, Belotti, Rincòn e Bremer, tutti in campo per più di 2 mila minuti. Il portiere sardo ha mantenuto la porta inviolata in 5 gare su 26 (19.2%). Il suo collega di reparto Milinkovic-Savic ha invece ottenuto un clean sheet in 3 match disputati (33%).

Le scelte di Nicola per Torino-Roma

Il modulo più utilizzato in campionato dal Torino di Nicola è il 3-5-2. Per il match di campionato contro la Roma il tecnico dovrà fare ancora a meno di Sirigu, risultato positivo al Covid-19 il 5 aprile. Da valutare invece le condizioni di Baselli, alle prese con un problema alla caviglia. In porta ci sarà quindi Milinkovic-Savic, poi difesa a tre con Izzo, Nkoulou, recuperato dopo due mesi di stop, e Bremer. Davanti spazio a Vojvoda, Mandragora, Rincòn, Verdi e Ansaldi. In attacco ci sarà invece la coppia formata da Belotti e Sanabria.

Leggi anche:
Torino, recuperati Singo e Lyanco: ci saranno contro la Roma

La probabile formazione

TORINO (3-5-2): 32 Milinkovic-Savic; 5 Izzo, 33 Nkoulou, 3 Bremer; 27 Vojvoda, 38 Mandragora, 88 Rincòn, 24 Verdi, 15 Ansaldi; 9 Belotti, 19 Sanabria.
A disp.: 19 Ujkani, 13 Rodriguez, 99 Buongiorno, 29 Murru, 17 Singo, 4 Lyanco, 10 Gojak, 77 Linetty, 7 Lukic, 11 Zaza, 26 Bonazzoli.
All.: Davide Nicola

BALLOTTAGGI: Singo-Vojvoda, Nkoulou-Lyanco, Sanabria-Zaza, Verdi-Lukic.
IN DUBBIO: 8 Baselli (problema alla caviglia).
INDISPONIBILI: 39 Sirigu (positivo al Covid-19).
DIFFIDATI: Linetty, Lukic, Belotti, Zaza.
SQUALIFICATI: -.

Martina Cianni

L'articolo Torino, secondo peggior rendimento della Serie A in casa: solo una vittoria in 14 gare sembra essere il primo su Romanews.

Torino, secondo peggior rendimento della Serie A in casa: solo una vittoria in 14 gare

TORINO ROMA, L’AVVERSARIA – Dopo aver conquistato l’accesso alle semifinali di Europa League, la Roma si prepara a scendere in campo per affrontare il Torino, nel match valido per il 31° turno di Serie A. L’obiettivo per i giallorossi è sempre vincere, per tentare di riavvicinarsi alla zona Champions.

Prossimi impegni

Torino-Roma (31° turno di Serie A, 18 aprile ore 18.00, Stadio Olimpico di Torino)
Bologna-Torino (32° turno di Serie A, 21 aprile ore 20.45, Stadio Renato Dall’Ara)
Torino-Napoli (33° turno di Serie A, 26 aprile ore 18.30, Stadio Olimpico di Torino)
Torino-Parma (34° turno di Serie A, 3 maggio ore 20.45, Stadio Olimpico di Torino)

Leggi anche:
Torino-Roma, l’arbitro è Massa: l’ultimo precedente la sfuriata di Fonseca con il Cagliari

Come il Torino arriva alla sfida contro la Roma

L’ultima giornata di Serie A ha visto il Torino impegnato in trasferta contro l’Udinese. Il match andato in scena allo Stadio Friuli è terminato 1-0 per i granata, a segno su rigore con Bellotti al 61′, dopo un primo tempo finito a reti inviolate. Dopo la vittoria contro i bianconeri gli uomini di Nicola si trovano al quartultimo posto in classifica, a quota 27 punti e a +5 sulla zona retrocessione, attualmente occupata da Cagliari, Parma e Crotone, ma con una partita ancora da recuperare.

Punti di forza e debolezze

Il bilancio del Torino in campionato è negativo: in 29 gare ha ottenuto 5 vittorie, 12 pareggi e 12 sconfitte. Ha realizzato 42 gol (media di 1.45 a partita) e ne ha incassati 52 (media di 1.8 a partita, quinta peggior difesa della Serie A). Il suo saldo reti è quindi negativo (-10). La squadra di Nicola ha effettuato 323 tiri, 156 dei quali in porta (48%) e 350 cross, 116 dei quali utili (33%). E’ ultima per media di chilometri percorsi a partita (106) e terza per numero di legni colpiti (16) e di gol realizzati di testa (9). Inoltre è tra le squadre con il minor possesso palla in campionato (media di 24 minuti a partita, 10 nella metà campo avversaria). Il rendimento del Torino è migliore in trasferta, dove ha ottenuto 4 pareggi, 4 vittorie e 7 sconfitte, ha segnato 22 gol e ne ha incassati 27 (media di 1.07 punti a partita). All’Olimpico di Torino invece sono arrivati 8 pareggi, 5 sconfitte e una sola vittoria, sono stati realizzati 20 gol e ne sono stati subiti 25 (media di 0.79 punti a partita). Solo il Parma ha fatto peggio in casa. Un’occhiata al cronometro rivela che la squadra di Nicola tende ad essere più vulnerabile e allo stesso tempo più pericolosa nell’ultimo quarto d’ora di gioco (35% dei gol fatti e 30% dei gol subiti tra il 75′ e il 90′).

Leggi anche:
Lazio-Torino, recupero ancora in dubbio: il derby con la Roma può essere anticipato

I numeri dei singoli

Il miglior marcatore del Torino è Belotti, autore di 12 gol in 27 presenze. Il capitano granata è anche il giocatore che ha servito più assist (5), creato più occasioni da gol (34) ed effettuato più tiri (81) finora. Mandragora spicca invece tra i compagni per la media di chilometri percorsi a partita (11.8). Nkoulou vanta la più alta percentuale di precisione dei passaggi (88.7%), mentre Bremer domina per quanto riguarda i duelli aerei vinti (media di 2.9 a partita). I giocatori più utilizzati in campionato da Nicola sono Sirigu, Belotti, Rincòn e Bremer, tutti in campo per più di 2 mila minuti. Il portiere sardo ha mantenuto la porta inviolata in 5 gare su 26 (19.2%). Il suo collega di reparto Milinkovic-Savic ha invece ottenuto un clean sheet in 3 match disputati (33%).

Le scelte di Nicola per Torino-Roma

Il modulo più utilizzato in campionato dal Torino di Nicola è il 3-5-2. Per il match di campionato contro la Roma il tecnico dovrà fare ancora a meno di Sirigu, risultato positivo al Covid-19 il 5 aprile. Da valutare invece le condizioni di Baselli, alle prese con un problema alla caviglia. In porta ci sarà quindi Milinkovic-Savic, poi difesa a tre con Izzo, Nkoulou, recuperato dopo due mesi di stop, e Bremer. Davanti spazio a Vojvoda, Mandragora, Rincòn, Verdi e Ansaldi. In attacco ci sarà invece la coppia formata da Belotti e Sanabria.

Leggi anche:
Torino, recuperati Singo e Lyanco: ci saranno contro la Roma

La probabile formazione

TORINO (3-5-2): 32 Milinkovic-Savic; 5 Izzo, 33 Nkoulou, 3 Bremer; 27 Vojvoda, 38 Mandragora, 88 Rincòn, 24 Verdi, 15 Ansaldi; 9 Belotti, 19 Sanabria.
A disp.: 19 Ujkani, 13 Rodriguez, 99 Buongiorno, 29 Murru, 17 Singo, 4 Lyanco, 10 Gojak, 77 Linetty, 7 Lukic, 11 Zaza, 26 Bonazzoli.
All.: Davide Nicola

BALLOTTAGGI: Singo-Vojvoda, Nkoulou-Lyanco, Sanabria-Zaza, Verdi-Lukic.
IN DUBBIO: 8 Baselli (problema alla caviglia).
INDISPONIBILI: 39 Sirigu (positivo al Covid-19).
DIFFIDATI: Linetty, Lukic, Belotti, Zaza.
SQUALIFICATI: -.

Martina Cianni

L'articolo Torino, secondo peggior rendimento della Serie A in casa: solo una vittoria in 14 gare sembra essere il primo su Romanews.

La Serie A vuole riaprire gli stadi ai tifosi: 1000 subito, il 25% a maggio

SERIE A PUBBLICO STADIO – La Serie A vuole riabbracciare i suoi tifosi anche allo stadio. La notizia delle porte aperte al pubblico per gli Europei ha dato nuova attualità a questa problematica.

La Lega vorrebbe 1000 persone allo stadio

Ieri è arrivato l’annuncio del Governo: l’Olimpico aprirà le porte ai tifosi per la partita inaugurale degli Europei e per le successive in programma, occupando il 25% dei posti disponibili. Come riportato da La Gazzetta dello Sport, la Serie A ha ascoltato l’annuncio durante l’assemblea di Lega e ora vuole spingere per ritrovare i tifosi. A nome di tutti i club ha parlato il presidente Dal Pino su un tema molto dibattuto da mesi: “Ci aspettiamo già dalle prossime partite che si possa tornare ad ospitare almeno 1000 spettatori, un numero pari a quello con il quale abbiamo aperto la stagione e in grado di garantire ampio distanziamento in strutture all’aperto”.

Leggi anche:
Europei aperti al pubblico

L'articolo La Serie A vuole riaprire gli stadi ai tifosi: 1000 subito, il 25% a maggio sembra essere il primo su Romanews.